Come scegliere una batteria elettronica: la guida 2019

Come scegliere una batteria elettronica: la guida 2019

Quale batteria compro? Probabilmente ti starai chiedendo come scegliere una batteria elettronica prima di fare un investimento in tal senso. In questa guida ti diciamo quali sono le informazioni utili per acquistare il miglior kit di batteria elettronica in base alle tue esigenze.

Prima di scegliere quale batteria elettronica acquistare, è doveroso rispondere a varie domande che riguardano gli elementi che la compongono:

  • Pad
  • Piatti
  • Pedali
  • Modulo audio

seconda del modello, saranno inclusi più o meno componenti e questo inciderá sul prezzo finale.

Batteria elettronica entry level o completa?

Se scegli di dirigerti verso una batteria elettronica economica per poi decidere eventualmente di salire di livello, sarà necessario acquistare in seguito separatamente alcuni componenti. Comunque, di solito, scegliere una batteria elettronica che includa tutto in un unico pacchetto risulta essere più economico a lungo termine, anche se questa è una decisione personale.

È inoltre importante assicurarsi che il modello entry level scelto consenta di montare questi elementi aggiuntivi in ​​futuro. Verifica quindi che abbia entrate e connessioni aggiuntive preposte a questo.

L’importanza delle cuffie per una piacevole esperienza sonora

Un altro punto da considerare sono le cuffie. Molto probabilmente, per gran parte delle ore di esercitazione utilizzerai le cuffie. Per quanto la batteria possa essere buona, se non hai delle buone cuffie non riuscirai a godertela completamente. Assicurati quindi di scegliere cuffie con uno standard di qualità accettabile.

Scelta delle bacchette per divertirsi mentre si suona

Parliamo ora dell’elemento caratterizzante, le bacchette. Quando inizi a utilizzare la batteria, noterai molta differenza tra una tipologia di bacchette ed un’altra. Alcune buone bacchette, sin dal primo momento ti faranno divertire molto di più. Normalmente le bacchette che sono incluse nei kit di una batteria elettronica di fascia medio-bassa sono alquanto mediocri. Sebbene siano utili per la pratica, non sarebbe male includere nello stesso ordine delle bacchette di qualità superiore.

Il modulo sonoro: fondamentale nella scelta

Il modulo audio è la chiave di volta per scegliere una batteria elettronica. Possiamo definire il modulo sonoro come il cervello della batteria elettronica ed offre un gran numero di possibilità riguardo ai suoni e agli effetti della batteria stessa, nonché delle percussioni elettroniche in generale.

Alcuni hanno livelli di volume differenti che funzionano indipendentemente per creare mix personalizzati di tutti i tipi, sia dal vivo che in registrazione. In generale, questi moduli sonori offrono una selezione di drum kit già predefiniti e progettati per generi musicali specifici come jazz, rock, hip hop, ecc. Basta semplicemente premere un pulsante.

In questo modo puoi sfruttare al massimo le potenzialità della batteria, creare i tuoi  kit personalizzati o giocando con le tue canzoni preferite. 

Queste sono le chiavi per considerare quale modulo scegliere tra diversi modelli:

  • Suoni:  solitamente una maggiore varietà di suoni si riflette in un aumento del prezzo. I moduli più basilari presentano i suoni di batteria standard e gli effetti sonori di diversi strumenti musicali. Se il modulo è di una fascia più alta, inizierà a farci modificare e creare i nostri suoni.
  • Ritmi preimpostati:  ogni modulo ha una selezione di ritmi preimpostati che di solito corrispondono a stili musicali specifici. Sono strumenti di apprendimento molto preziosi e fonti di ispirazione per creare le nostre canzoni e ritmi di batteria.
  • Suono naturale: Altri moduli sonori ci consentono di regolare l’equalizzatore della batteria e dei piatti per ottenere un mix bilanciato e un suono più naturale. Di solito includono anche effetti di ambientazione per migliorare il suono generale.

Quanto spazio occupa una batteria elettronica?

Sembra qualcosa di superfluo ma non lo è. Per suonare la batteria dovresti avere abbastanza spazio dove posizionarla per sentirti comodo mentre la suoni.

Presta attenzione alle dimensioni e alle misure della batteria elettrica al momento della scelta e fatti un’idea di come si adatterebbe allo spazio in cui hai pensato di posizionarla.

Batteria elettronica: pezzi di ricambio

Uno degli svantaggi dei modelli di batteria elettronica economica è che di solito non hanno pezzi di ricambio, poiché sono kit unici e indivisibili. È un punto da tenere a mente per sapere come scegliere la batteria elettronica. Le batterie più costose invece, avranno pezzi di ricambio che verranno utili se, per qualsiasi incidente o usura, potremmo averne bisogno.

Prima di procedere all’acquisto,dai un’occhiata al catalogo completo relativo a quel determinato tipo di batteria che stai valutando, per vedere se potrai scegliere agevolmente i pezzi di ricambio che si adattano al modello specifico.

Ti permette di aggiungere e modificare i suoni?

Questo punto va di pari passo con il tipo di modulo sonoro che abbiamo menzionato prima. Verifica se puoi aggiungere nuovi suoni o il tuo audio personalizzato per suonare sopra altri brani registrati. Per questo, controlla le uscite audio e se è possibile collegarlo al computer.

Presta attenzione inoltre se la batteria ha un proprio software e applicazioni dedicate già incorporate o se è necessario scaricarle in maniera indipendente.

Qual è il tuo livello?

Il tuo livello di preparazione è importante, soprattutto per sapere quale tamburo elettronico è il migliore per iniziare . Se sei un principiante, ovviamente, potresti aver bisogno di un tipo di batteria elettronica diversa da quella che necessita chi ha già un livello più avanzato.

Se sei alle prime armi con le percussioni, anche se hai già conoscenza della musica, ci sono kit elettronici progettati per principianti.

Se il tuo livello è già avanzato allora i tuoi bisogni saranno espandere il tuo kit, migliorare il suono o semplicemente come scegliere un kit elettronico adatto al tuo livello.

Il prezzo: pro e contro dei modelli super economici

Sappiamo che il prezzo è un fattore importante quando si sceglie la batteria elettronica. Ma è importante conoscere le proprie esigenze prima di correre ad acquistare quello più economico.

Il nostro consiglio è di risparmiare un po’ per poi scegliere una batteria elettronica completa che soddisfi le tue attuali esigenze e quelle del futuro a medio termine. Se non sei ancora sicuro, puoi provare un modello a basso costo per iniziare, che servirà da trampolino per acquistare una batteria elettronica migliore in futuro, anche se quando effettuerai il saldo totale avrai investito più denaro acquistandone due.

Caratteristiche di pastiglie, piatti, grilletti e teste di maglia

La batteria elettronica ha fatto molta strada da quando sono apparse per la prima volta alla fine degli anni ’70. Suonare queste prime batterie era molto faticoso per mani, polsi e braccia. I tamburi elettronici offrono oggi una sensibilità e una risposta decisamente migliorate, utilizzando pad gommati o testine a maglie.

Trigger pad o testine mesh possono avere fino a tre sensori. Le teste a sensore singolo attivano un singolo suono, mentre le teste a due o tre trigger possono attivare più suoni in base a quale parte del tamburo o del piatto viene colpito.

I cuscinetti in gomma hanno un rimbalzo simile ai cuscinetti tradizionali. A differenza delle teste di tamburi acustici e delle testine di rete elettroniche, i pad in gomma tendono ad avere una sensazione simile da un pad all’altro. A motivo di questa consistenza, i pad in gomma possono essere una buona scelta per l’attivazione di loop e toni sostenuti. Sono generalmente utilizzati in set di batterie elettroniche più convenienti.

Le testate mesh hanno una superficie tessuta che risponde più come una testa di batteria acustica, anche se con un rimbalzo leggermente migliorato che probabilmente li rende un po ‘più facili da suonare rispetto alla batteria acustica. Molte testine mesh possono essere sintonizzate sulla tensione preferita tramite un tasto e di solito sono più sensibili al tocco rispetto ai pad. Inoltre tendono ad essere più costose di quelli in gomma.

I pad elettronici dei piatti sono solitamente modellati come veri piatti o, in alcuni casi, come una porzione di un piatto. Alcune recenti innovazioni, come i recenti V-Cymbals di Roland, offrono movimento oscillante e inerzia. Piatti a due e tre zone con trigger separati per le diverse superfici di gioco dei piatti consentono un’esperienza di utilizzo più realistica e consentono di utilizzare tutte le tecniche di gioco dei piatti.

Il meglio di entrambi i mondi: kit audio-acustici “ibridi”

Alcuni batteristi potrebbero non sentirsi mai completamente a proprio agio con un kit elettronico. Tuttavia amerebbero espandere le loro opzioni artistiche con i molti suoni possibili usando un modulo di batteria. Equipaggiando il tuo kit tradizionale con una serie di trigger acustici, puoi godere dei benefici dei moduli di batteria digitale mentre ti godi tutta la sensazione viscerale di un set completo di batteria acustica.

I trigger pad di nuova concezione come il Roland BT-1 si integrano facilmente con i set di batteria acustica e sono progettati per prevenire falsi trigger quando suonate tamburi o pad circostanti. I trigger possono essere montati sui cerchioni o all’interno di una batteria per catturare l’intera gamma di suoni. Sono disponibili pacchetti di multi-trigger come il drum Red Shot Trigger Pack che include un set completo di trigger specifici per batteria. Alcuni di questi bundle includono anche il cablaggio e gli adattatori per integrare i trigger nella configurazione.

Un altro sviluppo interessante è l’aspetto dei pacchetti di piatti acustici-acustici GEN16 di Zildjian. Questi bundle innovativi includono più piatti, un controller / modulo, microfoni a condensatore ottimizzati per ogni piatto, oltre a tutti i cavi e l’hardware di montaggio. I piatti sono in grado di creare sia una vasta gamma di suoni tradizionali che alcuni effetti decisamente non tradizionali.

L’attivazione del tamburo è semplice da implementare collegando i trigger ai tuoi tamburi e piatti acustici invece di utilizzare drum pad elettronici. Ciò significa che puoi suonare con tutta la sensazione della tua batteria acustica e allo stesso tempo sfruttare le capacità digitali del tuo modulo.

Con i trigger acustici, hai bisogno di meno microfoni sul kit, riducendo il sanguinamento acustico da altri strumenti. In combinazione con il tuo modulo batteria, questo rende le percussioni più chiare e perfette. Puoi controllare ulteriormente il tuo suono con il tuo amplificatore per batteria, eliminando del tutto il suono della parte frontale della cassa.

Il campionamento e la registrazione digitali con MIDI e acustici offrono una vasta gamma di materiali tra cui scegliere quando si effettua il mixaggio. I trigger di batteria acustica offrono a portata di mano tutta la potenza di un modulo audio senza dover adattare la tecnica ai pad.

Condividi